Ultime Notizie

Scambio Bitcoin – Tether a rischio? Rubati 30 milioni di USDT

0 Commenti

Tether ha pubblicato un annuncio sul sito web in cui ammette il furto di quasi 31 milioni di USDT (30.950.010) dalle proprie riserve. I token tether sono direttamente collegati al valore delle monete fiat, in particolare al dollaro USA, ed equivalgono a 31 milioni di dollari. Il fatto è avvenuto il 19 novembre 2017 e Tether ha dato la comunicazione ufficiale del furto il 21 novembre. Una notizia non di poco conto, che potrebbe mettere a rischio gli scambi bitcoin – tether nel mercato delle criptomonete.

Scambio bitcoin tether a rischio

In casa tether sono corsi subito ai ripari con una nuova versione del portafoglio Omni Core, per bloccare le transazioni fatte con gli USDT rubati. Tether è anche in contatto con i maggiori exchange di criptovalute per scongiurare lo scambio del malloppo in bitcoin o altre criptovalute come il bitcoin cash.

Rubati 30 milioni di USDT a tether. La notizia fa il giro del mondo

La notizia ha fatto il giro del mondo perché numerosi exchange di criptovalute hanno nei listini la coppia (pairs) bitcoin USDT (BTC/USDT). Alcuni exchange hanno un intero mercato basato su USDT, con il quale consentono ai clienti di scambiare litecoin, dash, zcash, bitcoin cash, monero e altre criptovalute.

La falla mette a rischio un intero mercato

La falla nel sistema tether potrebbe mettere a rischio quella parte del mercato delle criptovalute che si affida al token tether e non direttamente alle monete fiat.

Per rendere l’idea di quanto il token è diffuso, basta vedere i volumi di scambio tra bitcoin e USDT sulle piattaforme. Alcuni exchange superano i 40 milioni di USDT in volume di scambio. E l’intero capitale di mercato è stimato in 672 milioni di dollari USA (fonte: Coinmarketcap).

Cosa significa fare trading con bitcoin e USDT

I trader che scambiano le riserve di criptovalute in USDT o EURT, non stanno acquistando dollaro USA o euro, ma il token Tether. Il token ha però un valore sempre equivalente alla moneta fiat di riferimento. Quindi 1 USDT è sempre 1 USD. E’ tether a garantire lo scambio USDT/USD (oppure EURT/EUR) con le sue riserve di denaro liquido.

Chi decide di scambiare le proprie criptovalute direttamente con le monete fiat (o di fare trading), deve verificare se la piattaforma di trading accetta USD e EUR. Come nel caso, ad esempio, di eToro e di AvaTrade.

Quali sono le prossime mosse di tether?

La prima mossa è stata l’aggiornamento del software Omni Core per bloccare le transazioni del ladro. L’aggiornamento del portafoglio all’ultima versione è consigliato, perché tether non accetterà scambi USDT/USD originati dall’indirizzo che ha compiuto il furto. Chi dovesse ricevere token dall’indirizzo 16tg2RJuEPtZooy18Wxn2me2RhUdC94N7r non potrà cambiarli in dollari veri.

La seconda mossa di tether sarà richiedere indietro i 31 milioni di USDT rubati. Molto più probabilmente saranno gli sviluppatori ad occuparsene, creando un hard fork che “resetti” quei token rendendoli definitivamente non usabili: sempre che non siano già stati spesi.

Scambio Bitcoin – Tether a rischio? Rubati 30 milioni di USDT
Rate this post

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.