Società crittografiche chiedono regolamenti più chiari da parte della RBI

Le piattaforme di criptovaluta in India richiedono norme e regolamenti più chiari in materia di affari. 

Le cripto-piattaforme indiane necessitano di chiarimenti per continuare a operare nel paese.
Con un rilancio degli affari, le cripto-piattaforme locali stanno spingendo la Reserve Bank of India a chiarire le regole e i regolamenti relativi alla condotta degli affari.

Le piattaforme crittografiche si sono rivolte alla banca centrale per fare chiarezza sullo stato delle loro società in India, a seguito di un recente rilancio più marcato per l’industria delle criptovalute.

Nonostante l’elevazione del divieto, la loro continua crescita rimane una sfida a causa dei creditori che negano i servizi bancari. Ciò è presumibilmente dovuto alla mancanza di chiarezza e riconoscimento da parte delle istituzioni finanziarie e degli stessi regolatori.

In linea con questo, le piattaforme crittografiche chiedono chiarimenti sul fatto che debbano essere classificate come merci, valute, prodotti o servizi. Ciò determina il modo in cui le loro attività vengono tassate nel quadro generale della tassa sui beni e servizi (GST).

Oltre alle norme e ai regolamenti in materia fiscale, anche il clamore per il riconoscimento è tutt’altro che finito, affermando che le banche non hanno ricevuto aggiornamenti dalla Reserve Bank of India (RBI) in merito all’incremento del divieto.

Sidharth Sogani, CEO di Credbaco Global, una società di ricerca di asset digitali, ha spiegato che l’RBI doveva emettere una nuova circolare, inducendo le banche a ricominciare le relazioni con gli scambi e le società di criptovaluta. Tuttavia, Sogani sostiene che le banche hanno negato di aver ricevuto alcuna notifica dall’RBI.

In precedenza, erano state avviate numerose indagini sulla possibilità di incorporare Bitcoin e altre criptovalute sotto il GST.

La posizione dell’India sulle criptovalute si è notevolmente attenuata negli ultimi mesi. Il divieto a livello nazionale delle attività di criptovaluta è stato implementato nell’aprile 2018, con la Banca centrale che ha impedito alle istituzioni finanziarie di facilitare “qualsiasi servizio in relazione alle valute virtuali”.

L’ascesa al divieto sembra essere stata accolta favorevolmente e il clima locale verso le criptovalute sembra positivo. Un sondaggio di Paxful, un marketplace di Bitcoin, ha indicato che la maggior parte degli investitori di età compresa tra 18 e 55 anni ha mostrato che il 75% aveva già esperienza con gli investimenti in criptovalute. L’uso più comune per cui le criptovalute vengono utilizzate è per effettuare trasferimenti di denaro rapidi e facili (78,5%), seguito dalla convinzione che siano un modo per raggiungere la libertà finanziaria (64,8%).

Il rallentamento economico causato dalla pandemia di coronavirus ha anche avuto un impatto sulla dinamica del settore delle criptovalute a seguito dell’abrogazione del divieto da parte dell’RBI.