Song contro IBM: Blockchain Decentralizzata o Niente

Song in un dibattito contro un ingegnere della IBM ribadisce che per lui una blocklchain deve essere decentralizzata oppure non esserci affatto.

blockchain
Sashkin | Shutterstock

Per Jimmy Song, non c’è una via di mezzo tra centralizzazione e decentralizzazione. O è l’uno o è l’altro.

Autore e partner di Blockchain Capital, Song ha fatto ribadito questo suo punto di vista ripetutamente in un dibattito con l’ingegnere della IBM e Hyperledger Fabric co-lead Chris Ferris a SXSW giovedì.
Qui ha detto ripetutamente a Hilton Austin in termini non incerti: “O hai il controllo della tua roba o non ce l’hai. E’ uno zero o uno zero”.

Il dibattito ha lanciato blockchains permissione, le reti private che vengono lanciate al grande business, contro blockchains senza permesso, la tecnologia che sottende Bitcoin e altre reti open-source. Annunciato come “deathmatch” nell’agenda del festival, Song era determinato a dare al pubblico quello per cui erano venuti.

“Perché hai bisogno di un permesso se si suppone che sia decentralizzato,” ha chiesto. “Ci deve essere un’entità che ti sta dando il permesso, e questo è per definizione centralizzato.”

Mentre Song ha preso la visione binaria del decentramento, Ferris ha sostenuto che le blockchain possono esistere su uno spettro. Certo, le blockchain autorizzate sono meno decentralizzate, ha detto Ferris, ma i loro meccanismi di fiducia aggiunti attenuano il rischio percepito.

“Le blockchain senza permessi non risolvono necessariamente il problema della fiducia,” ha aggiunto.

Song per illustrare il grado in cui era disposto ad estendere il suo punto di vista, ha usato l’esempio della fork di Ethereum (ETH) che segue il famigerato hack del DAO, quando gli sviluppatori e gli utenti del progetto hanno accettato di introdurre un aggiornamento del codice volto a ridurre i fondi rubati.

“Penso che Ethereum sia una blockchain autorizzata”, ha detto Song, aggiungendo:

Quando Vitalik dice: “Queste particolari transazioni non sono particolarmente positive per l’ecosistema e quindi le riportiamo indietro”, questo, per me, è una blockchain autorizzata”.

Sul palco, Song ha sostenuto che ogni applicazione della blockchain a qualcosa di diverso dal Bitcoin è uno spreco. “La Blockchain è davvero utile per il Bitcoin”, ha detto durante il dibattito. “Tutto il resto ha un punto centrale di fallimento.”

Prima del dibattito, Ferris ha detto che sperava di poter affermare che ci sono solo diversi casi d’uso per diversi tipi di blockchains, e quei casi d’uso dovrebbero determinare quale livello di decentramento dovrebbe essere richiesto.

“Sicuramente parte della conversazione sarà che bitcoin non risolve gli stessi problemi che stiamo cercando di risolvere in un contesto aziendale,” ha detto Ferris.

IBM, ha spiegato, è principalmente la costruzione di prodotti che consentono ai partner delle grandi imprese di condividere informazioni piuttosto che scambiare denaro. Ad esempio, oggi Big Blue ha annunciato un accordo per registrare le informazioni sullo stato giuridico delle imprese in tutta la Francia. Cercando di trovare un terreno comune, Ferris ha sostenuto che c’è spazio per gli approcci di entrambe le parti.

“Penso che ci siano una tonnellata di casi d’uso in cui le blockchains autorizzate hanno molto di senso”, ha detto Ferris. “Penso anche che ci sia una tonnellata di casi d’uso in cui una blockchain autorizzata non ha alcun senso”.

Ma Song non ha ammesso nessuna via di mezzo. Ha detto che tutte le blockchain oltre a quelli di Bitcoin potrebbero anche funzionare su un database centralizzato più veloce ed economico.

“Una blockchain autorizzata è un ossimoro perché è un database centralizzato che si maschera come qualcosa di decentralizzato”, ha detto Song.

L’ExchangeQuadrigaCX

La disfatta dell’exchange QuadrigaCX ha evidenziato la differenza tra le due posizioni meglio di qualsiasi altra parte del dibattito.

Il proprietario del cambio canadese è morto e ha perso 190 milioni di dollari di criptovaluta quando si è scoperto che era l’unica persona con accesso alle chiavi private del sistema. Sia Song che Ferris hanno visto in questo un disastro, ma sono giunti a conclusioni molto diverse.

Ferris ha sollevato Quadriga alla fine del dibattito dicendo: “L’intero punto della blockchain autorizzata, la blockchain aziendale, sta riducendo il rischio.”

Si tratta di un sistema in cui tutti i principali utenti del protocollo conoscono tutti gli altri. “Possiamo mettere un modello di governance su questo e un quadro giuridico intorno al quale si dice: ‘Se fai qualcosa per perturbare il sistema, faremo causa ai pantaloni e te ne pentirai,” ha detto Ferris.

Song ha visto che è proprio questo il problema. Se è possibile per un organo di governo di intervenire e punire gli operatori di una piattaforma, allora questo sconfigge il punto fondamentale della decentralizzazione.

Ferris ha visto Quadriga come un’illustrazione del problema fondamentale della user experience dei sistemi permissionless perché illumina in modo drammatico come bitcoin non abbia un ripiego in caso di perdita di chiavi private.

Ma Song vedeva questa come la sua virtù:

“Sei o autosufficiente o sei o non lo sei”.

Bitcoin Core

Bitcoin ha le sue potenti autorità, tuttavia, un punto che è stato discusso dalla presenza della mediatrice del dibattito, Angela Walch, una professoressa alla St. Mary’s University School of Law.

Walch ha usato l’esempio del bug dell’inflazione rivelato nel settembre 2018, in cui gli sviluppatori hanno originariamente minimizzato le sue vere implicazioni prima di spingere la correzione.

“Elencano un totale di 11 persone che ne erano a conoscenza. Queste persone hanno preso una decisione su come avrebbero risolto il problema”, ha detto Walch. “All’inizio hanno detto ad alcuni miner selezionati. A quel miner è stata data una conoscenza privilegiata”.

Ha usato il punto per sostenere che gli sviluppatori principali di Bitcoin hanno un potere eccessivo nella rete. Gli utenti dovevano fidarsi, per esempio, che nessuno di quei leader che sapevano che non avrebbe abbreviato Bitcoin prima della divulgazione finale. “Sto sostenendo che quelle persone stavano esercitando il potere centralizzato,” ha detto.

Song ha replicato dicendo che Bitcoin Core non è l’unico software Bitcoin ed è open source, gestito sotto una licenza MIT che avverte ognuno di usarlo a proprio rischio e pericolo. Se c’è qualcosa che non va nel software Bitcoin, gli utenti dovrebbero essere in grado di trovarlo e segnalarlo.

“Se l’obiettivo è l’adozione di massa, per l’iper-bitcoinizzazione”, ha detto Walch, “il novanta per cento delle persone non capirà come funziona il codice, quindi dire solo che è open source non è un out”.

Ferris ha preso questo punto in più e ha sottolineato che c’è un numero molto piccolo di persone che sono manutentori del codice Bitcoin, sostenendo che se succedesse qualcosa a tutti loro, si creerebbe il caos.

In definitiva, il dibattito è tornato indietro a quel punto ad un altro round sulla sovranità. Gli utenti dovrebbero essere resi collettivamente responsabili di assicurarsi che i manutentori del nucleo non siano malevoli o dovrebbero usare lo stato come ripiego?

“State parlando di regolamentazione e strutture di governance come se fosse una cosa negativa,” ha iniziato Ferris.

Song ha risposto dicendo: “Per la maggior parte del tempo è così”.