Ultime Notizie

SpaceChain: L’agenzia spaziale decentralizzata di Bitnation

0 Commenti

Il lancio di SpaceChain potrebbe passare alla storia come l’inizio di una nuova era nell’esplorazione dello spazio finanziata da privati. Bitnation ora ha un programma spaziale. La Bitnation Space Agency sarà guidata da Iman Mirbioki e sperimenterà droni che volano in formazioni per sviluppare un sistema di navigazione basato su un nuovo tipo di giroscopi a fibra ottica (FOG). Il programma è ufficialmente chiamato programma spaziale Spacechain. In questo articolo tratteremo nei dettagli gli scopi del progetto, la sua importanza e il suo potenziale.

spacechain

Cos’è Bitnation?

Prima di parlare in modo più approfondito del progetto SpaceChain è utile capire il contesto in cui è stato concepito. Vale a dire, bisogna comprendere Bitnation. Bitnation è una auto-definita nazione volontaria decentralizzata senza confini. Questa piattaforma è costruita sulla Blockchain di Ethereum. Fornisce servizi simili a quelli di qualsiasi governo ordinario, come sistemi di identificazione, risoluzione delle controversie, sicurezza e assicurazione. Tuttavia, tutti i registri governativi di Bitnation sono conservati sulla Blockchain. Questo significa che una volta che un documento è stato registrato, non può essere alterato o corrotto da alcun tipo di agente governativo.

Secondo la filosofia di Bitnation “I governi degli Stati nazionali non sono riusciti a tenere il passo con le tecnologie che stanno trasformando la nostra vita. Internet ha radicalmente interconnesso il nostro mondo e la tecnologia Blockchain, un registro pubblico crittograficamente protetto che è distribuito tra tutti i suoi utenti, ci permette di scegliere di governarci per il modo in cui vogliamo vivere oggi: peer-to-peer, più a livello locale e globale.”

Bitnation, per giunta, intende intraprendere un ICO che inizia il 25 di questo mese. Il token di Arbitrazione Pangea (PAT) è un token in-app compatibile con il protocollo ERC20 per la giurisdizione Pangea. Il gettone PAT è un token di ricompensa per aver accumulato token di prova di reputazione. I token di reputazione non scambiabili vengono emessi quando i cittadini creano un contratto, lo completano con successo o risolvono una controversia legata a un contratto. Il PAT è distribuito algoritmicamente in base alle prestazioni, piuttosto che al potere d’acquisto, alla popolarità o all’attenzione. Il sito dell’ICO è presente qui.

bitnation

Il problema che Bitnation tenta di risolvere

Vi sono questioni logistiche che i governi di tutto il mondo non affrontano a sufficienza. Inoltre, questi sembrano essere problemi che possono essere semplicemente risolti attraverso processi migliorati. Il miglioramento di questi processi attraverso la tecnologia è un logico passo successivo quando si considera il ruolo dell’automazione nella crescita industriale.

Il problema è che i governi degli stati nazionali si aggrappano alla loro autorità di poter controllare questi processi nonostante la loro incapacità di fornire i migliori servizi possibili. Se altri possono fornire un servizio migliore, forse è giunto il momento di eliminare del tutto questo intermediario obsoleto e le spese pubbliche inutili.

In quest’ottica, molti cittadini si sentono privati dei diritti derivanti dalle strutture dell’ordinanza che attualmente regolano la loro vita. Una ragione di ciò potrebbe essere la rappresentanza da parte di un candidato che non ha fiducia a livello politico nazionale/internazionale. Un’altra potrebbe essere un’inefficienza probabilmente intrinseca, abilitata e incoraggiata dai sistemi di governo esistenti. Contribuiscono di certo gli interessi finanziari acquisiti detenuti da terzi influenti.

Quando si pensa al tema della sovranità, le prime cose che probabilmente vengono in mente sono i confini restrittivi della posizione geografica e la leadership politica di governo delle autorità nazionali. Anche nelle cosiddette amministrazioni democratiche, queste autorità sono per lo più gestite da un partito politico che ha ricevuto non più del 55 per cento dei voti popolari (o anche meno per i governi di coalizione). I regimi, benigni o meno, si sono dimostrati un impedimetno al progresso sociale, tecnologico ed economico in molti modi, proprio come la barriera tra governo e tecnologia stessa.

La partnership di Bitnation con l’Estonia

A partire dal 1 dicembre 2015 il programma estone di e-Residency, in collaborazione con la nazione virtuale BITNATION.co, utilizza la tecnologia Blockchain per offrire un notaio agli e-Residents. Per mezzo del notaio internazionale Bitnation gli e-residents, indipendentemente da dove vivono o fanno affari, saranno in grado di autenticare i loro matrimoni, certificati di nascita, contratti d’affari, e molto altro ancora sulla blockchain. La natura distribuita e immutabile di questo notaio pubblico lo rende più sicuro di qualsiasi notaio attualmente offerto dagli Stati nazionali tradizionali.

Il notaio internazionale è il primo servizio che la nazione virtuale fornisce specificamente per gli e-residents estoni, ma Bitnation ha già ricevuto l’attenzione internazionale per il matrimonio, i titoli di proprietà, i certificati di nascita, la risposta alle emergenze dei rifugiati, e l’ID di cittadinanza mondiale sulla blockchain.

Cos’è il programma e-residency?

E-Residency è un’iniziativa che permette a chiunque in tutto il mondo di sfruttare l’identità online sicura e autenticata che il governo estone offre già ai suoi 1,3 milioni di residenti. Il lancio del notaio Bitnation illustra come l’e-Residency estone possa fornire una piattaforma non solo per l’incorporazione bancaria e societaria, ma anche per altri servizi di governance quotidiani. Servizi che rispondono in modo creativo alle esigenze degli imprenditori e dei cittadini di tutto il mondo. Se una coppia si sposa con il notaio, non significa che si sposerà nella giurisdizione dell’Estonia, o in qualsiasi altra giurisdizione dello stato nazionale. Si sposano invece nella “giurisdizione della blockchain”. La tecnologia blockchain fornisce una prova giuridicamente vincolante a livello mondiale dell’esistenza e dell’integrità dei vostri accordi contrattuali.

Una citazione contenuta sul blog di Bitnation:

In Estonia crediamo che le persone dovrebbero essere in grado di scegliere liberamente i servizi digitali/pubblici più adatti a loro, indipendentemente dall’area geografica in cui sono nati arbitrariamente”, ha dichiarato Kaspar Korjus, Direttore del Programma e-Residency. “Stiamo veramente vivendo momenti entusiasmanti in cui gli Stati nazionali e le nazioni virtuali competono e collaborano tra loro su un mercato internazionale, per fornire servizi di governance migliori”.

La fondatrice di Bitnation, Susanne Tarkowski Tempelhof, ha detto di credere che il governo estone “capisca le dinamiche dell’era della globalizzazione molto meglio di qualsiasi altro governo”. “Sono lieto di collaborare con il programma e-Residency dell’Estonia per stabilire una pratica standard di concorrenza dei servizi di governance su un mercato globale, e per permettere agli altri di esercitare l’autodeterminazione e seguire il percorso della BITNAZIONE verso la sovranità” ha detto Tarkowski Tempelhof.

Questo esempio dovrebbe far ben capire che Bitnation è un progetto da prendere sul serio e non una idea utopica promossa da un gruppo di hippie programmatori online.

L’utilità di un programma spaziale Bitnation

Con il lancio di successo del suo primo nodo nello spazio, SpaceChain sta entrando in un mercato molto esclusivo. L’azienda si propone di abbattere le barriere ai progetti spaziali privati, che tradizionalmente comportano un costo elevato per chi desidera essere coinvolto. Allo stesso modo, i programmi spaziali pubblici, come la NASA negli Stati Uniti, sono diventati costosi e inefficaci. Nei 20 anni che si sono conclusi nel 2012, la NASA ha bruciato circa 20 miliardi di dollari di denaro dei contribuenti, sprecando una fortuna per innumerevoli progetti annullati. Anche se i programmi spaziali pubblici come la NASA offrono dei vantaggi (è un pioniere nel campo della robotica, ad esempio), questa natura dispendiosa significa che è anche utile prendere in considerazione mezzi alternativi per lo sviluppo dello spazio.

Zuo ha dichiarato questo al momento del lancio:

“Il lancio è un passo importante verso la creazione di un modello di problem solving open-source che ottimizza l’intelligenza collettiva. Intendiamo rivoluzionare l’industria spaziale consentendo un migliore utilizzo dello spazio, accelerando le scoperte e migliorando l’accesso alle nuove tecnologie in tutto il settore.”

SpaceChain prevede di lanciare altri due satelliti quest’anno. È presente potenziale di espandere la capacità di trasferimento dei dati visto che la piattaforma è adottata da sviluppatori che ora hanno accesso diretto alla tecnologia di comunicazione satellitare. Lo stesso lancio della SpaceChain è il culmine di anni di duro lavoro da parte del settore pubblico e privato. Ma, utilizzando un’architettura basata sulla tecnologia blockchain Qtum, SpaceChain ha aperto il mondo delle comunicazioni orbitali agli sviluppatori di tutto il mondo.

satellite

Uno spazio più accessibile a tutti

L’idea è semplice. SpaceChain ha sviluppato una piattaforma open-source. Questa permetterà agli sviluppatori indipendenti di tutto il mondo di progettare applicazioni che sfruttano tutte le funzionalità che una piattaforma di comunicazione orbitale può creare. Alcune applicazioni potenziali includono il monitoraggio delle spedizioni, strumenti di messaggistica privata e la distribuzione di contenuti a livello globale. Le possibilità di utilizzo per la creazione di app sono infinite.

Poiché il sistema operativo SpaceChain è stato costruito per essere multifunzionale, è in grado di trasformare i satelliti in “computer” multiuso. Quindi non saranno come i satelliti monofunzione che sono prevalenti oggi. Ciò significa che è possibile caricare su un unico satellite SpaceChain diversi tipi di applicazioni. Con un accesso più facile allo spazio, possiamo aspettarci di vedere fiorire un maggior numero di aziende multimiliardarie. Ciò porterà anche alla crescita e allo sviluppo delle industrie che alimentano la nostra economia globale, come i trasporti, l’esplorazione, l’energia, l’edilizia e l’ospitalità.

I primi programmi si concentreranno sulla decentralizzazione delle comunicazioni orbitali. Zuo, però, vede all’orizzonte progetti più grandi per SpaceChain. Tim Draper ha suggerito che “l’incursione di SpaceChain nello spazio creerà con successo un ambiente decentralizzato. Questo faciliterà progressi e collaborazioni ad una frazione del costo tipicamente associato con l’industria”. Ciò potrebbe significare che nei prossimi anni SpaceChain si riunirà nel momento in cui lo sviluppo spaziale decentralizzato e non governativo soddisferà gli interessi commerciali di un mondo in cui i dati sono riconosciuti come la nuova moneta.

Con un accesso più facile allo spazio, possiamo aspettarci di vedere fiorire un maggior numero di aziende multimiliardarie. Ciò porterà anche alla crescita e allo sviluppo delle industrie che alimentano la nostra economia globale. Industrie come quella del trasporto, dell’esplorazione, dell’energia o dell’edilizia.

La nascita di servizi davvero globali

Ad esempio, si pensi a un’azienda che vuole tenere traccia della spedizione dei propri beni. Il suo processo di monitoraggio è limitato perché alcuni paesi non sono coperti dalla sua rete. Sfruttando la rete blockchain e il satellite di SpaceChain, l’azienda può creare un’applicazione che consente di monitorare le spedizioni ovunque. In questo modo, l’azienda è in grado di trascendere i confini.

Partnership

L’anno scorso ha visto numerose aziende entrare nello spazio della blockchain. Una delle categorie che utilizzano la blockchain di più include persone che vivono in nazioni che non sono ben supportate a livello internazionale. Questo perché hanno bisogno di trovare un modo conveniente per raggiungere accordi commerciali.

I nodi blockchain terrestri consentono un’incredibile quantità di trasferimento dati e capacità di calcolo. Il problema però è consentire la comunicazione con luoghi lontani che non sono collegati da reti di telecomunicazione esistenti. A questo scopo i satelliti sono l’unica opzione disponibile. Mentre molti sudcoreani e giapponesi speculano per mezzo delle criptovalute, in paesi come il Venezuela e lo Zimbabwe queste sono utilizzate come contanti per aggirare i sistemi consolidati che impediscono il libero flusso di merci e idee.

Direttamente dal sito di SpaceChain:

“In SpaceChainOS sono combinati i fondamenti dei smart contract Qtum (Qtum.org) e SylixOS (sylixos.com). Il nostro CTO, Jeff Garzik, ha progettato la “blockchain sandbox” per creare un’infrastruttura stabile e ben protetta. Le DAPP sviluppate in questo spazio possono funzionare correttamente e in modo indipendente senza alcuna interferenza tra loro. Questo ha suscitato un notevole interesse da parte di partner in diversi settori industriali che desiderano costruire le loro applicazioni su questa piattaforma. In ultima analisi, possiamo aiutare l’industria spaziale a passare attraverso lo stesso processo attraverso il quale è passato il telefono cellulare “realizzando satelliti intelligenti” con almeno tre vantaggi:

Portare le applicazioni blockchain nello spazio, ampliare il mercato spaziale e integrare le risorse dell’industria aerospaziale per portare lo spazio al servizio della Terra.

Migliorare le capacità dei veicoli spaziali, aumentare il numero di utilizzi per veicolo spaziale, ridurre i costi di utilizzo dei satelliti e consentire così a un maggior numero di persone di partecipare all’industria spaziale.

Fornire un ambiente di sviluppo eccellente per le applicazioni spaziali riducendo le barriere per gli sviluppatori e incoraggiando quindi un maggior numero di persone a partecipare all’esplorazione dello spazio.”

satellite

Inclusività finanziaria totale

Con SpaceChain, le persone in Venezuela e Zimbabwe potranno approfittare della sua rete satellitare per accedere alle criptovalute e alla tecnologia basata sulla blockchain. Questo anche in caso di problemi con la loro rete o di sospensione del loro sistema bancario da parte del governo. La rete stabile e aperta di SpaceChain sarà accessibile da qualsiasi parte del mondo tramite una connessione satellitare. Nel più ampio spettro delle cose, SpaceChain aiuta a migliorare la vita delle persone e a migliorare la tecnologia spaziale per l’umanità. Questo perchè più persone sono in grado di innovare, collaborare ed esplorare lo spazio insieme.

Uno degli aspetti più importanti che i sistemi basati su blockchain offrono al mondo è la loro capacità di aiutare persone provenienti da culture e regioni geografiche molto diverse a mettere in comune le risorse e a condividere i rischi mentre lavorano verso obiettivi comuni. Il token SpaceChain è, in sostanza, un investimento nella prima agenzia spaziale decentralizzata al mondo, che sta lavorando per rendere la tecnologia basata sullo spazio accessibile a chiunque sulla Terra.

Non c’è nulla che impedisce a SpaceChain di crescere rapidamente di pari passo con l’adozione della sua piattoforma. Il suo approccio rivoluzionario per fornire una comunicazione trasparente, e con l’obiettivo di un’eventuale esplorazione dello spazio difficilmente potrebbe non subire una repentina adozione. SpaceChain occupa una posizione molto unica nell’universo della blockchain.

Il rapporto simbiotico con Bitnation

Bitnation, grazie a questo sviluppo mira a portare i suoi servizi alle popolazioni che finora non hanno accesso a quelli nazionali. Al contempo mira anche a diventare incensurabile per assicurarsi di poter essere accessibile anche ai cittadini di stati totalitari.

Gli obiettivi del programma spaziale

Questo è l’elenco degli obiettivi presente sul sito di spacechain in quanto organizzazione:

  1. Creare un’agenzia spaziale decentralizzata e open-source.
  2. Ricercare e sviluppare tecnologie nuove e migliori per i viaggi e le missioni spaziali.
  3. Sviluppare un nuovo carburante ecocompatibile per i veicoli spaziali. (Combustibile per razzi.)
  4. Sviluppare una nuova generazione di sistemi di navigazione, in quanto l’attuale precisione GPS e le massime prestazioni (velocità e altitudine) sono limitate per la ricerca spaziale.
  5. Creare una tecnologia e una piattaforma più economiche su base open source che consentano a chi ha un budget limitato di raggiungere lo spazio e/o fare esperimenti in ambiente di microgravità.
  6. Sviluppare veicoli spaziali nuovi ed economici per raggiungere LEO (Low Earth Orbit), GSO (Geostationary Orbit) e altri corpi celesti come la Luna o gli asteroidi.
  7. Ricerca sulle fonti di energia alternative, principalmente anti-materia intrappolata nel campo magnetico terrestre.
  8. Ricerca e sviluppo di tecnologie per l’estrazione di minerali e risorse su altri corpi celesti, come la Luna o gli asteroidi.
  9. Creazione di reti di comunicazione e data center in orbita terrestre, al di fuori della portata di qualsiasi stato o regime per lavorare verso la totale immunità e neutralità del futuro dell’infrastruttura informatica.
  10. Costruire depositi di carburante e una rete internazionale basata su valute virtuali per il rifornimento di satelliti e altri veicoli spaziali.
  11. Fare ricerche nel campo della medicina spaziale e degli effetti della microgravità e delle radiazioni cosmiche sugli organismi viventi.
  12. Ricercare gli effetti delle radiazioni cosmiche sui componenti elettronici al fine di sviluppare nuove tecnologie in grado di resistere all’ambiente ostile dello spazio extra-atmosferico.

L’obiettivo numero nove, infatti, tratta esattamente questo. O meglio, della creazione di reti di comunicazione e data center “al di fuori della portata di qualsiasi stato o regime”. Inoltre, questo rende anche chiaro quanto questo progetto sia ambizioso e lungimirante.

Conclusione

Insomma, la blockchain permette collaborazioni sempre più su larga scala e dalle più ampie implicazioni. In questo caso potrebbe portare alla creazione di una infrastruttura che potrebbe avere un profondo impatto sulla società. Ovviamente, al contempo, tutto ciò probabilmente indica anche che in un lontano futuro il token di SpaceChain (SPC), che in questo momento vale soli 7 centesimi di dollaro, probabilmente crescerà del valore insieme alla criptovaluta QTUM. Prima di allora però è possibile, se non probabile, una correzione dei prezzi. Questa appare ancora più probabile considerata la attuale mancata di utilità del token e l’entusiasmo della comunità di SpaceChain. Infatti, nei lunghi tempi che serviranno perché questo progetto venga realizzato probabilmente questo entusiasmo calerà portando con sé i prezzi. Questo investimento, ovviamente, deve essere considerato ad alto rischio ma anche con alto potenziale di guadagno.

Quanto è certo più di ogni altra cosa è che viviamo in tempi a dir poco interessanti. Durante la nostra vita sono da aspettarsi cambiamenti a livello sociale di una repentinità e portata da lungo tempo non visti. Infondo, se non dovesse riuscirci SpaceChain, ci sono buone possibilità che nascano e ottengano successo altre iniziative simili.

SpaceChain: L’agenzia spaziale decentralizzata di Bitnation
5 (1 vote)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.