Home > News > StreamingFast si assicura una sovvenzione da 60 milioni di dollari dalla The Graph Foundation

StreamingFast si assicura una sovvenzione da 60 milioni di dollari dalla The Graph Foundation

L’azienda per le infrastrutture di protocollo fornirà a The Graph risorse, tecnologia e sviluppatori talentuosi in qualità di sviluppatore di protocollo principale

La società di infrastrutture di protocollo StreamingFast ha ricevuto una sovvenzione del valore di 60 milioni di dollari dalla The Graph Foundation per diventare sviluppatore di protocollo principale di The Graph, lo si apprende da un post pubblicato ieri sul blog della Fondazione.

The Graph è un protocollo di indicizzazione che consente agli sviluppatori di creare open-API chiamate subgraph (sottografi), che le applicazioni possono interrogare. La rete è supervisionata dalla The Graph Foundation, che coordina il processo di governance e distribuisce finanziamenti all’ecosistema, anche se il finanziamento da 60 milioni di dollari a favore di StreamingFast è il primo del suo genere.

Avviato tre anni fa e sovvenzionato da investitori tra cui WhiteStar Capital e Multicoin Capital, StreamingFast inizialmente aveva come obiettivo il business SaaS a servizio degli sviluppatori blockchain, ora invece elabora i dati blockchain attraverso la sua piattaforma scalabile per una serie di blockchain ad alto throughput, tra cui: Ethereum, Binance Smart Chain e Polkadot.

The Graph beneficerà delle risorse, della tecnologia e del talento degli sviluppatori di StreamingFast. Quest’ultima collaborerà con gli indicizzatori, Edge & Node e la comunità di The Graph per fornire una serie di sviluppi del protocollo.

Il CEO e co-fondatore di StreamingFast, Marc-Antoine Ross, ha spiegato: “Siamo filosoficamente allineati e le nostre capacità combinate creano un effetto uno più uno uguale a tre. Siamo ansiosi di dedicare il nostro tempo e le nostre energie al miglioramento di The Graph e dell’ecosistema Web3 in generale”.

StreamingFast riceverà la sovvenzione a rate divisa in 5 annualità e renderà il suo IP proprietario open source per l’uso da parte della comunità di The Graph. Oltre allo sviluppo del protocollo di base, l’azienda lavorerà allo sviluppo dei subgraph, al miglioramento dei servizi di indicizzazione e delle prestazioni, al supporto degli strumenti di sviluppo Web3, agli standard GRP e GRC e all’espansione multi-blockchain.

Ross ha aggiunto: “Il nostro core IP indicizza i dati molto più velocemente, risolvendo il ‘Binance Smart Chain Pancake Problem’ e permettendo agli sviluppatori di costruire applicazioni blockchain in tempo reale, dashboard ed explorer, anche su reti ultraveloci come Solana. Speriamo che ciò aiuti gli sviluppatori di subgraph e dApp a costruire applicazioni più performanti e veloci”.

La cooperazione di The Graph e StreamingFast potrebbe facilitare gli obiettivi di entrambi i progetti volti a democratizzare l’accesso ai dati Web3 e a costruire un internet più aperto.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.