Telegram abbandona TON di fronte agli ostacoli normativi

I recenti ostacoli allo sviluppo della rete aperta di Telegram si sono rivelati troppo difficili da superare per l’azienda

Grafica del simbolo TON
Il CEO di Telegram esprime la sua speranza che “altri abbiano successo laddove altri hanno fallito”

Dopo anni di lotta con la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti, Telegram ha deciso di abbandonare la sua filiale focalizzata sulla crittografia, la Telegram Open Network (TON). La società non è più attivamente coinvolta in TON.

Pavel Durov, fondatore e CEO, avverte i cittadini della rete di essere cauti nei confronti di siti e truffatori che utilizzano il suo nome, il marchio Telegram o l’abbreviazione TON per promuovere i loro progetti.

“È possibile visualizzare – o aver già visto – siti che utilizzano il mio nome o il marchio Telegram o l’abbreviazione” TON “per promuovere i loro progetti. Non fidatevi di loro mettendo a rischio i vostri soldi o dati. “ Recita l’annuncio di Durov.

Telegram Open Network (TON) è stato progettato per fornire accesso allo spazio di criptovaluta a chiunque abbia uno smartphone. Questo è un approccio simile al progetto Libra di Facebook, che ha anche affrontato sfide significative durante tutto il suo sviluppo.

Nell’ottobre 2019, la SEC ha ordinato alla società di interrompere le vendite della sua criptovaluta (soprannominata Gram) dopo che non è stata in grado di registrare una vendita anticipata di token da 1,7 miliardi di dollari prima del lancio della rete. Secondo Telegram, questi fondi sono stati raccolti in una serie di offerte pre-ICO nel 2018. Tuttavia, Telegram ha finito per cancellare l’ICO, uno dei motivi del maggiore controllo da parte della SEC.

Durev ha espresso le sue opinioni sulla sentenza nel suo annuncio, sostenendo che i tribunali americani non dovrebbero avere il potere di impedire la vendita di criptovalute al di fuori dei confini degli Stati Uniti. Ha anche esortato altri nello spazio delle criptovalute a intraprendere la lotta contro il decentramento al posto di Telegram, citando questa battaglia come “la battaglia più importante della nostra generazione” ed esprimendo la speranza che altri “potrebbero avere successo dove noi abbiamo fallito”.

In precedenza, era stato riferito che il lancio del progetto TON era stato posticipato all’aprile del 2021. Questo è il suo secondo ritardo, a seguito di una causa intentata dall’USEC nel distretto meridionale di New York, nonché un ordine di contenimento di emergenza nell’ottobre 2019, che ha ritardato il lancio ad aprile 2020.