Tutto ciò che devi sapere sull’halving di bitcoin

A metà del 2020 circa si verificherà uno degli eventi più importanti per il mondo delle criptovalute. Maggio sarà il mese atteso da lungo tempo e che riguarderà l’halving di bitcoin. Cosa significherà questo evento e come potrebbe influire su chi investe in BTC, o per chi fa il mining di bitcoin?

Bitcoin broken in half with water splash” (CC BY 2.0) by wuestenigel

Le basi dell’halving di bitcoin

L’halving di bitcoin avverrà quando verrà creato il blocco bitcoin numero 630.001. L’halving dovrebbe verificarsi approssimativamente il 14 maggio 2020. A quel punto, la ricompensa per i miner verrà dimezzata. Da quel momento in poi, la ricompensa passerà da 12,5 BTC a 6,25 BTC per blocco. Il numero di nuove coin passerà quindi dagli attuali 1.800 BTC ai 900 BTC prodotti giornalmente.

L’halving avviene per ridurre l’inflazione nel sistema, simulando in questo modo la curva dell’offerta che abbiamo in altri asset scarsi come l’oro. Quando arriveremo a maggio del 2020, avremo in circolazione l’87,5% di tutti i bitcoin coniabili. Interessante da notare, che l’inflazione si sta avvicinando al tasso d’inflazione della maggior parte delle valute fiat.

Si tratterà del terzo halving, infatti, avviene ogni 210mila nuovi blocchi, che equivalgono approssimativamente a circa quattro anni. L’ultimo halving avverrà nel 2140, quando cioè il sistema raggiungerà i 21 milioni di bitcoin estratti.

Il primo halving è avvenuto nel mese di novembre del 2012. In quella occasione la ricompensa per i miner passò da 50 BTC a 25 BTC. Il passaggio filò liscio e gli utenti acquisirono una maggiore fiducia nel sistema, tanto che anche il prezzo del bitcoin beneficiò di un aumento nei mesi successivi.

Il secondo halving si verificò nel luglio del 2016. Il prezzo del bitcoin salì prima dell’evento, per poi scivolare drammaticamente dopo l’halving. Tuttavia, l’effetto di lungo termine fu positivo, dal momento che presto il valore si consolidò raggiungendo i record più alti.

Come l’halving potrebbe influenzare il prezzo del BTC?

Come abbiamo visto, i precedenti halving hanno influenzato il prezzo della criptovaluta. Finora è stato in gran parte positivo, nonostante qualche periodo di calo dei prezzi.

Cosa accadrà a maggio del 2020? La storia ci mostra che il periodo precedente l’halving e subito dopo di esso, si verificano degli aumenti e dei cali di prezzo e della volatilità nel mercato. Tuttavia, questo è parte integrante del meccanismo, quindi, non c’è motivo di credere che causerà un crollo significativo dei prezzi sul lungo termine, specialmente perché è un fatto ormai conosciuto da lungo tempo.

Mentre alcune persone sono nervose per quello che dovrà avvenire, c’è una crescente sensazione nel mercato che il dimezzamento non avrà alcun grande effetto sul prezzo di BTC.