Home > News > Twitter pensa di comprare Bitcoin afferma il suo CFO

Twitter pensa di comprare Bitcoin afferma il suo CFO

Ned Segal ha rivelato in una intervista che Twitter è aperta all’idea di aggiungere bitcoin al suo bilancio

Dopo la rivelazione che Tesla ha investito 1,5 miliardi di dollari in bitcoin, spedendo il prezzo della criptovaluta a un massimo storico di quasi 50.000 dollari, ci sono state molte speculazioni sul fatto che altre aziende seguiranno l’esempio.

In realtà non sarei sorpreso di vedere quasi una sorta di gara ora“, ha detto il CEO di Grayscale Michael Sonnenshein sugli investimenti istituzionali in bitcoin in una intervista rilasciata ieri. “Vedrete un sacco di altri leader visionari e aziende dirompenti rendersi conto che si è davvero passato dal perché, al perché no“.

Ora sembra che Twitter potrebbe essere una di quelle aziende dirompenti. Il direttore finanziario Ned Segal in una intervista alla CNBC di ieri ha lasciato intendere che il gigante dei social media è aperto all’idea di aggiungere bitcoin al suo bilancio.

Guardiamo da vicino ciò che fanno le altre aziende per vedere cosa possiamo imparare da loro“, ha detto Segal, rispondendo così all’investimento in bitcoin di Tesla. “Abbiamo fatto un sacco di riflessioni per considerare come potremmo pagare i dipendenti se chiedessero di essere pagati in bitcoin, come potremmo pagare un fornitore se chiedesse di essere pagato in bitcoin e se abbiamo bisogno di avere bitcoin nel nostro bilancio“.

Il CEO di Twitter Jack Dorsey potrebbe quindi essere aperto all’idea di investire sulla criptovaluta. La sua bio sul profilo personale Twitter attualmente dice solo “#bitcoin” e inoltre la scorsa settimana ha rivelato di gestire un nodo Bitcoin. La società di pagamenti di Dorsey, Square, detiene già più di 200 milioni di dollari in bitcoin e ieri è stato annunciato che ha fatto una donazione da 1 milione di dollari al think tank di crypto policy Coin Center.

Quando è stato chiesto a Segal quale sarebbe il punto di svolta per Twitter per decidersi ad acquistare bitcoin, egli ha risposto: “Uno dei fattori chiave che guarderemmo sarebbe se la gente chiedesse di transare con noi in bitcoin… Quando pensiamo a tutte le diverse esposizioni che abbiamo, stiamo davvero cercando di abbinare le nostre attività e le nostre passività, e applichiamo al bitcoin lo stesso approccio che adottiamo per tutti gli altri tipi di rischi che abbiamo”.

Etichette: