Un adolescente è presumibilmente il capobanda di un sistema crittografico da milioni di dollari

È stata intentata una causa contro Ellis Pinsky – insieme al suo gruppo di associati – per aver rubato milioni di dollari dai conti di criptovaluta

Turpin ha ammesso di aver aspettato che Pinsky avesse diciotto anni per presentare la causa contro di lui da maggiorenne.
Pinsky, che ora ha diciotto anni, ha presumibilmente rubato più di $100 milioni in criptovalute.

Ai suoi amici e familiari, Ellis Pinsky sembrava un qualsiasi altro adolescente a cui piacesse giocare ai videogiochi. Secondo i documenti del tribunale, quelli a lui vicini presumevano che fosse un tipo sveglio e anche fortunato con Bitcoin.

Non sapevano che Pinsky sarebbe presto arrivato al centro di un sistema di criptovaluta multimilionario.

Pinsky aveva 15 anni quando presumibilmente iniziò ad attuare il programma, che usava per rubare più di $100 milioni in criptovalute. La causa federale lo indica come “il capobanda” di “una sofisticata follia criminale informatica”.

Un addetto ai lavori ha detto al New York Post che il migliore amico di Pinsky pensava che la sua nuova ricchezza fosse stata guadagnata attraverso il trading di Bitcoin e azioni, mentre i suoi genitori credevano che fosse stato incredibilmente fortunato vincendo Bitcoin da giochi online competitivi.

Pinsky, che ora ha 18 anni, è ora citato in giudizio dal gigante delle criptovalute Michael Turpin. Secondo la causa, lui e diverse altre persone non identificate lo hanno indotto a perdere $23.808.125. Il rapporto afferma che Pinsky ha anche rubato decine di milioni da altri che non sono stati identificati nella denuncia.

“Nonostante le loro sane apparenze, Pinsky e i suoi “colleghi” sono in realtà geni del computer senza cuore con tratti sociopatici che rovinano le vite delle loro vittime innocenti e si vantano allegramente delle loro rapine da milioni di dollari.” recita l’accusa.

A parte le spese legali e altri costi connessi, Terpin sta cercando il triplo dei danni; tre volte l’ammontare del denaro reale perso.

Terpin ha rivelato che il suo soprannome per Pinsky è “Baby Al Capone”, a causa della sua attività di “cripto gangster”.

Si presume che Pinsky e il suo gruppo di hacker abbiano avuto accesso ai computer delle loro vittime e, successivamente, ai loro account di criptovaluta. Hanno quindi rubato e riciclato i fondi. In alcuni casi, la causa sostiene che sono arrivati ​​al punto di rubare informazioni personali per ottenere l’accesso a questi account.

Da qui, secondo quanto riferito, Pinsky ha speso la sua ricchezza mal guadagnata tra notti a New York e costosi orologi.

Le operazioni di Pinsky sono state interrotte dopo che Nicholas Truglia, un complice, è stato arrestato durante un furto separato di criptovaluta nel 2018. Mentre Terpin ha fatto causa a Truglia separatamente, Truglia ha identificato Pinsky e molti altri come suoi pari nei furti di criptovalute.

Noam Biale, avvocato di Pinsky, sottolinea come Pinsky fosse solo un bambino al momento del furto.

“È profondamente spiacevole che Terpin abbia scelto di intentare una causa, piena di sbavature e accuse prive di fondamento, per nessun altro scopo immaginabile se non il disprezzo”, ha detto Biale.