Un ex membro dell’equipaggio di cabina di Etihad Airways è in prigione per inadempienza su un prestito crittografico di $100.000

Un ex assistente di volo di Etihad Airways si trova ora in prigione perché non può più permettersi di ripagare il prestito dopo essere stato licenziato

Etihad
Il cittadino francese potrebbe rischiare fino a tre anni di prigione per non aver ripagato il debito

Un ex membro dell’equipaggio di cabina di Etihad Airways viene inviato in prigione per non aver rimborsato un prestito che ha usato per investire in Bitcoin al culmine della mania della criptovaluta.

Avendo recentemente perso il lavoro in un’ondata di licenziamenti causati da COVID-19, il cittadino francese senza nome ha rivelato di essere stato mandato in prigione perché non può più permettersi di rimborsare un prestito di 338.000 AED ($100.000) che ha usato per investire in Bitcoin nel 2017 .

Il cittadino francese, che ha 34 anni, afferma che dovrebbe rimborsare $3.320 ogni mese fino alla fine del 2021 per estinguere il prestito.

L’ex membro dell’equipaggio di cabina si trova in una situazione grave perché il mancato rimborso di un debito è un reato negli Emirati Arabi Uniti (EAU) e i debitori potrebbero essere mandati in prigione per un massimo di tre anni.

Detenuto a Dubai, un ente di beneficenza britannico che fornisce assistenza in casi penali negli Emirati Arabi Uniti, afferma di aver assistito a misure ben restrittive, se non addirittura repressive, da parte delle banche nell’esecuzione delle norme penali.

In passato, i residenti espatriati sono stati in grado di partire per il proprio paese di origine per rinegoziare i propri debiti in relativa sicurezza. Tuttavia, Radha Stirling, l’amministratore delegato di Detenuto a Dubai, afferma che c’è stato un “aumento della quantità di minacce dell’Interpol” per i debitori espatriati che scelgono di tornare a casa per evitare prestiti non pagati.

“L’uso dell’Interpol per detenere ed estradare debitori nei confronti degli Emirati Arabi Uniti non è legale, ma le banche degli Emirati Arabi Uniti sanno che la maggior parte delle vittime non sa come combattere il codice rosso o evitarlo del tutto. In effetti, molti ex espatriati vengono a conoscenza degli avvisi di allerta da parte dell’interpol sono quando vengono detenuti in aeroporto. ” Stirling ha spiegato.

La storia dell’assistente di volo di Etihad, che ha scelto di rimanere anonimo, è iniziata alla fine del 2017, quando ha stipulato il massiccio prestito con la Banca islamica degli Emirati per fare il suo primo investimento in Bitcoin. Durante questo periodo, la criptovaluta era ai massimi storici; tuttavia, in meno di un anno afferma di aver perso l’85% del suo investimento iniziale.

Nel 2019, le notizie hanno rivelato che potenzialmente centinaia di membri dell’equipaggio di cabina Emirates avevano perso centinaia di migliaia di dollari in una truffa sugli investimenti in stile Ponzi. Agli investitori era stato promesso che se avessero investito oltre $100,00, avrebbero ottenuto rendimenti compresi tra il 5 e il 20 percento.

La pandemia di coronavirus ha portato a licenziamenti significativi all’interno di Etihad Airways.