Uomo neozelandese deve affrontare accuse di riciclaggio di denaro crypto

L’arresto e le accuse sono state fatte dalla polizia neozelandese durante l’operazione Brookings

Inquadratura ravvicinata di una Lamborghini gialla
L’uomo è anche accusato di acquistare auto di lusso come un modo per riciclare i fondi rubati

Un uomo neozelandese è stato arrestato e accusato di riciclaggio di denaro sporco attraverso l’uso di transazioni di criptovaluta e acquisti di auto di lusso.

Un rapporto del NZHerald racconta come l’uomo di 40 anni di Auckland dovrà affrontare 30 accuse, la maggior parte delle quali relative al riciclaggio di denaro. I documenti del tribunale mostrano accuse secondo cui l’uomo ha raccolto migliaia di dollari neozelandesi (NZD) per acquistare criptovaluta in diverse transazioni di riciclaggio di denaro. Altri sostengono che l’uomo avesse riciclato fondi attraverso l’acquisto di veicoli di fascia alta. Queste accuse includono una Lamborghini del valore di $ 634.026 NZD ($ 421.000) e una Mercedes G63 nera del valore di $ 435.066 NZD ($ 288.888).

L’uomo è anche accusato di riciclare denaro per poco più di $ 2,6 milioni NZD ($ 1,7 milioni), che è stato poi utilizzato per acquistare una proprietà ad East Auckland. Un’altra accusa afferma che era in possesso di una quantità sconosciuta di denaro per riciclaggio da un individuo mentre si trovava all’aeroporto di Auckland all’inizio di quest’anno. Inoltre l’uomo è stato accusato di aver ottenuto con l’inganno, un credito di poco più di un milione di NZD da parte di una banca.

L’uomo è comparso presso il tribunale distrettuale di Auckland e ha ottenuto l’anonimato provvisorio da Dianne Hale, magistrato della comunità.

La sua cattura fa parte dell’operazione Brookings del New Zealand Financial Crime Group, dove gli investigatori hanno preso di mira facilitatori professionisti che consentono il crimine organizzato. In totale, sette veicoli di lusso di fascia alta e tre proprietà, del valore almeno di 4,9 milioni di dollari neozelandesi (3,3 milioni di dollari), sono stati sequestrati durante l’operazione sotto copertura della polizia.

Sei persone, tra cui quattro uomini e due donne, sono state accusate. Gli individui hanno un’età compresa tra i 29 ei 65 anni e tutti devono affrontare accuse di riciclaggio di denaro.

A giugno di quest’anno, la polizia neozelandese ha sequestrato beni per un importo pari a 136,5 milioni di dollari neozelandesi (90,68 milioni di dollari neozelandesi) collegati a un uomo russo sospettato di aver riciclato miliardi di dollari in valuta digitale. La polizia ha dichiarato di aver sequestrato questi beni perché detenuti in una società con sede in Nuova Zelanda di proprietà di Alexander Vinnik, un uomo russo accusato di aver ideato una cellula di riciclaggio di bitcoin. Vinnik è ricercato sia dalla Francia che dagli Stati Uniti.

Le autorità statunitensi hanno accusato Vinnik di utilizzare BTC – e, uno scambio di valuta digitale utilizzato per scambiare bitcoin, per facilitare crimini come l’hacking informatico e il traffico di droga dal 2011. Vinnik ha negato le accuse, spiegando che era un consulente tecnico di BTC –  e non l’operatore della borsa.

Questa è stata la più grande operazione di contenimento di fondi nella storia della polizia neozelandese.