Visa prosegue ulteriormente il suo progetto sulle criptovalute

I massimi dirigenti di Visa rivelano che la società sta lavorando assiduamente nel settore delle criptovalute

carta visa
La rete sta esaminando un’ampia gamma di possibilità di sviluppo nel settore delle criptovalute e blockchain.

Il direttore senior e capo della criptovaluta di Visa, Cuy Sheffield, ha rivelato in un rapporto che la rete di pagamenti globale sta facendo un altro passo avanti per quanto riguarda il suo lavoro sulla tecnologia di pagamento in criptovaluta. La società incorporerebbe anche la tecnologia blockchain nelle sue operazioni.

Sebbene il dirigente di Visa non abbia fornito una tempistica specifica per quanto riguarda il progetto, Sheffield ha affermato che la ricerca su quel fronte continuerà fino al prossimo anno.

Sheffield ha rivelato che Visa ha collaborato a stretto giro con le banche centrali di tutto il mondo per lo sviluppo delle CBDC, dato che l’argomento ha fatto molta notizia di recente. Al contrario, Visa ha anche voluto offrire la propria esperienza per aiutare le banche centrali nello sviluppo dei loro CBDC, così come altre società che stanno esaminando la possibilità di sviluppare stablecoin emessi privatamente.

Inoltre, Visa sta anche esaminando il potenziale dei pagamenti in valuta digitale offline, che Sheffield ha dichiarato essere una priorità assoluta anche per le banche centrali. Tuttavia, credeva che ci fossero sfide tecniche nel garantire che i pagamenti in valuta digitale fossero sicuri, prevedendo che le banche centrali potrebbero dover affrontare gli stessi fattori che influenzano le società private che creano stablecoin.

In quella nota, un documento di ricerca della Bank of Japan ha affermato che l’accessibilità e la resilienza dei CBDC erano un ostacolo importante nel lancio di tali token.

Alla domanda di Forbes sui loro piani per unirsi a consorzi in futuro dopo il ritiro dell’azienda dalla Libra Association, che è affiliata a Facebook, il Senior Vice Presidente e Global Head di Fintech, Terry Angelos, ha rivelato che la società non ha preso alcuna decisione di aderire a consorzi al momento.

“Se ci uniamo a un consorzio, sarà perché vogliamo influenzare e aiutare alcuni di quei principi in cui crediamo vengano applicati. Detto questo, non abbiamo preso alcuna decisione di aderire a consorzi in questo momento e dubito che ne faremo parte in maniera esclusiva”, ha così spiegato.

“Vogliamo supportare le valute digitali richieste dal nostro gruppo diversificato di clienti. Pertanto, parte della strategia di rete non è cercare di scegliere solo un vincitore. Piuttosto, è la possibilità di avere prodotti e servizi che funzionano con molte valute e reti digitali diverse.” Ha aggiunto Sheffield.

Secondo Angelos, Visa sta anche pianificando di aggiungere altre società nel settore delle criptovalute come membri principali. Al momento della scrittura, il principale scambio di criptovalute Coinbase, ha infatti collaborato con Visa per ricevere lo status di membership principale. Ciò consente agli utenti dell’exchange di criptovalute Coinbase di spendere le proprie criptovalute in qualsiasi luogo in cui si accettino pagamenti tramite Visa.