Wesley Snipes, attore di Blade, inaugura Crypto Entertainment Fund

L’attore hollywoodiano Wesley Snipes, in collaborazione con il Liechtenstein Cryptoassets Exchange (LCX), intende raccogliere 25 milioni di dollari in token per un fondo cinematografico. Sarà una security token offering (STO) pienamente conforme, che ha l’obiettivo di raccoglie fondi per futuri investimenti nell’industria cinematografica e per prodotti televisivi, sviluppati dallo studio di Snipes, Maandi House.

Snipes è un noto attore americano ed è anche un affermato produttore. Il nome del fondo sarà “Daywalker Movie Fund” (DMF), derivato dal suo franchise più famoso, la trilogia di Blade. Snipes ha recitato anche in Major League, Demolition Man e New Jack City.

Questa scelta segna una novità assoluta per l’industria cinematografica. Idealmente, ciò consentirà agli investitori retail di investire in progetti di intrattenimento normalmente accessibili solo ai produttori di Hollywood. I token DMF parteciperanno alla condivisione degli utili di tutti i progetti dello studio, oltre a offrire vantaggi esclusivi come inviti alle anteprime.

Criptovalute e l’industria dell’intrattenimento

Snipes non è la prima celebrità a fiutare il potenziale che la tokenizzazione degli asset possono apportare all’industria dell’intrattenimento. Johnny Depp ha investito in una piattaforma che si concentra sull’intrattenimento sociale, utilizzando le criptovalute. Altre iniziative nasceranno non appena altri attori si renderanno conto del nuovo business.

Il crowdfunding è presente nell’industria cinematografica in forme diverse. Grazie al calo dei costi di produzione, l’intrattenimento è diventato più democratico. Il regista amatoriale può realizzare ottimi prodotti anche con poche risorse.

Netflix ha tolto potere ai grandi studi cinematografici, aprendo le porte al futuro. Con questo recente sviluppo, i film a basso costo potranno essere finanziati anche dagli investitori retail.

L’industria dell’intrattenimento è appannaggio di quanti hanno grandi capitali, ma con Daywalker Movie Fund, le porte si spalancano per far entrare tutti. Rendere gli investimenti accessibili a tutti, è proprio l’ideale alla base di Bitcoin e delle criptovalute in genere.

Strutture di potere in movimento

Hollywood, come il mondo bancario, è chiusa e accentra il suo potere. Così come alcune banche iniziano a “decentralizzarsi”, è normale che anche altre industrie come l’intrattenimento passino attraverso lo stesso processo. Così come l’acquisto di bitcoin è un modo per sostenere il cambiamento nel sistema finanziario, l’acquisto del token DWF sosterrà l’intrattenimento. Fino ad ora, solo poche persone hanno avuto il controllo sul modo in cui viene gestito e finanziato un film. Il movimento #MeToo è stato l’inizio del cambiamento, e ora le criptomonete hanno il potenziale per essere il mezzo.

Se l’intrattenimento diventerà più controllato dalle persone, forse il potere dei fan si amplierà come visto nel caso delle serie televisive Veronica Mars e Lucifer, dove sono state le richieste dei fan a far continuare le serie TV.

Si potrebbero addirittura riscrivere le ultime stagioni di serie TV blasonate come Game of Thrones.