Home > News > Whitestream: La Nigeria è la patria africana delle truffe di criptovalute

Whitestream: La Nigeria è la patria africana delle truffe di criptovalute

Le truffe di criptovaluta in Africa stanno rastrellando decine di migliaia di dollari al mese e la Nigeria ospita alcuni di questi progetti di truffa

La Nigeria è uno dei principali mercati di criptovaluta al mondo. A un certo punto, è stato il secondo mercato Bitcoin più grande dietro gli Stati Uniti. Tuttavia, una recente ricerca della società di analisi blockchain Whitestream ha rivelato che la Nigeria è anche sede di alcune delle principali truffe di criptovaluta in Africa.

La società israeliana di analisi blockchain Whitestream ha scoperto quattro truffe di criptovaluta originate da Lagos, la capitale commerciale della Nigeria.

Secondo Whitestream, le truffe di criptovaluta sono state effettuate principalmente attraverso la piattaforma di social media Instagram. Gli account Instagram sono stati progettati appositamente per sembrare che provenissero dagli Stati Uniti o dall’Europa. Tuttavia, una ricerca approfondita su questi racconti mostra che provenivano da Lagos.

Le truffe sono simili agli attacchi informatici effettuati in altre parti del mondo. Si rivolgono a nuovi utenti che cercano di entrare nello spazio delle criptovalute, chiedendo loro di inviare bitcoin direttamente a loro in cambio di profitti regolari.

La Nigeria è uno dei paesi con i principali volumi di transazioni di criptovaluta. I residenti si sono rivolti alle criptovalute a causa dell’aumento dell’inflazione e della costante svalutazione della naira. Tuttavia, mentre alcune persone usano le criptovalute per proteggere la loro ricchezza dall’aumento dell’inflazione e dalla svalutazione della valuta, anche i truffatori erano impegnati a prendere di mira nuovi investitori.

La Banca Centrale della Nigeria (CBN) è intervenuta per vietare i conti di criptovaluta presso le banche, rendendo difficile per le persone acquistare e vendere criptovalute. La mossa potrebbe essere stata suggerita dal crescente utilizzo di criptovalute da parte dei truffatori e il CBN voleva ridurre la situazione prima che peggiorasse.

I truffatori attirano le loro vittime mostrando uno stile di vita lussuoso ottenuto dai guadagni del crypto. Chattano con le vittime e le convincono a inviare bitcoin, che il truffatore promette di investire per loro conto per generare enormi ritorni. Tuttavia, invece di investire come promesso, i truffatori incassano.

I truffatori di solito trasferiscono le criptovalute su uno scambio, quindi le trasferiscono sui loro account naira locali. Usano reti private virtuali (VPN) per nascondere la loro posizione e far sembrare che provengano dagli Stati Uniti o dall’Europa. Secondo Whitestream, potrebbe essere la stessa entità che gestisce le varie truffe di criptovaluta.

Nonostante gli sforzi del CBN, le criptovalute continuano a prosperare in Nigeria poiché le persone si sono rivolte a piattaforme peer-to-peer per acquistare e vendere valute digitali. Pertanto, gli investitori dovrebbero sempre fare attenzione quando si tratta di presunti “esperti di criptovaluta” sui social media.

Etichette: