Il Wyoming potrebbe diventare il primo a regolamentare le criptovalute

Il Wyoming potrebbe presto diventare il primo stato degli Stati Uniti a fornire autorizzazioni bancarie chiare per le criptovalute e le attività digitali.

wyoming

Venerdì scorso è stato introdotto il SF0125 al governo che, se approvato, classificherebbe i beni digitali come proprietà nell’ambito delle leggi esistenti. Stabilirebbe anche “un quadro di riferimento opt-in per le banche per fornire servizi di custodia per la proprietà dei beni digitali come depositari diretti,” determinerebbe gli standard per tali servizi, chiarirebbe come i tribunali del Wyoming potrebbero classificare i beni digitali e altro ancora.

Caitlin Long, co-fondatrice della Blockchain Coalition del Wyoming, ha affermato che la legge è un importante passo avanti per lo stato e potrebbe rivelarsi un vantaggio sia per le startup che per gli utenti.

“Molte aziende si stanno costituendo come società fiduciarie di New York….. [ la proposta del Wyoming] è una licenza molto migliore di una licenza del New York Trust perché è [rivolta alle banche] ed è in uno stato che ha chiarito lo status giuridico dei beni digitali. Queste due cose sono ugualmente importanti,” ha detto. “Non c’è un altro stato che fornisce questa chiarezza.”

Uno degli aspetti più notevoli del disegno di legge è il sostegno che ha già al momento della sua introduzione. La leadership sia della Casa del Wyoming che del Senato stanno sponsorizzando il disegno di legge, che include membri sia del Partito Democratico che del Partito Repubblicano.

Nella lista degli sponsor ci sono i senatori Drew Perkins (R.), il presidente del Senato, il vicepresidente del Senato Ogden Driskill (R.) e il leader di minoranza del Senato Chris Rothfuss (D.). A bordo ci sono anche i rappresentanti Steve Harshman (R.), Speaker of the House, e House Majority Whip Tyler Lindholm (R.), insieme a una manciata di altri rappresentanti e senatori.

Detto questo, l’introduzione del disegno di legge è solo il primo passo. Infatti:

“Questo [disegno di legge] è stato appena pubblicato, deve ancora passare attraverso tutto,” ha osservato Long. “Qualsiasi cosa può accadere in un processo legislativo, non è attuata finché il governatore non firma il disegno di legge, ma dietro di esso c’è un enorme slancio e moltissimo sostegno.”

Ha poi aggiunto:

“Dà all’industria blockchain qualcosa di cui penso abbia bisogno, che è la chiarezza giuridica per portarla al livello successivo, e anche i puristi del Bitcoin che si opporrebbero all’essere in carica, si consolerebbero sapendo di avere ora uno status legale per i loro beni.”

C’era stata anche una proposta alternativa nei lavori, ha spiegato Long, che avrebbe classificato le criptovalute  in modo simile ai titoli e avrebbe costretto i proprietari a conservare tali beni attraverso intermediari.