Ultime Notizie

Yahoo lancia un exchange di criptovalute in Giappone

0 Commenti

Yahoo Japan il mese prossimo acquisirà il 40% dell’operatore BitARG Exchange Tokyo, per poi lanciare una borsa a pieno titolo nell’aprile 2019 o più tardi. A seguire tutti i dettagli a riguardo di questo annuncio e delle sue conseguenze.

yahoo

I dettagli

Nikkei Asian Review ha riferito venerdì che l’azienda del settore della tecnologia, originariamente una joint venture tra Altaba (ex Yahoo!) e Softbank, inizierà un’acquisizione di BitARG Exchange Tokyo in aprile. Il prossimo anno, invece, utilizzerà la tecnologia BitARG per costruire un vero e proprio exchange che verrà lanciato nel 2019.

L’investimento iniziale di Yahoo Japan vedrà YJFX, una delle sue consociate, pagare 2 miliardi di yen (circa 19 milioni di dollari) per una partecipazione del 40% in BitARG, che ha già una licenza dalla Financial Services Agency (FSA) del paese per gestire una piattaforma di trading di criptovalute.

Yahoo Japan investirà ulteriormente in BitARG attraverso altre filiali nel corso del prossimo anno solare. Questo per aumentare anche le attività della piattaforma in previsione della sua rinascita come nuovo exchange, previsto per l’aprile 2019. Il Giappone è emerso come un importante centro per il trading delle criptovalte in Asia. Questo sopratutto da quando la Cina ha costretto a chiudere gli exchange attivi sul suo territorio. In precedenza, il Giappone aveva emanato regolamenti favorevoli alle criptovalute. Questo fattore insieme a quello già citato hanno portato diverse aziende mainstream ad iniziare a sviluppare i propri exchange proprio qui.

Ma non manca concorrenza

Mitsubishi UFJ Financial Group (MUFG), la più grande istituzione finanziaria del Giappone in termini di asset under management (AUM), sta rielaborando i piani di lancio di un exchange. Secondo quanto segnalato dalle fonti dei media locali il lancio è previsot per il mese di gennaio. Line, un’applicazione di chat con sede in Giappone che conta oltre 600 milioni di utenti registrati, ha inoltre annunciato a gennaio la sua intenzione di creare un exchange di criptovalute che opererà non solo in Giappone, ma anche a Hong Kong e in Lussemburgo.

Infine, il gruppo bancario giapponese SBI intende costruire un proprio exchange, anche se di recente ha posticipato il lancio per rafforzare le proprie misure di sicurezza. Questa iniziativa ha fatto seguito a un maggiore controllo da parte dell’FSA. La FSA ha accelerato l’applicazione del settore del commercio di criptovalute nei mesi successivi a un furto record alla borsa di Tokyo Coincheck. Più di recente, la FSA ha inviato un avvertimento formale a Binance, exchange con sede a Hong Kong. Questo per aver operato illegalmente in Giappone senza licenza.

Conclusione

Ora che il settore delle criptovalute si sta facendo davvero grande anche le aziende ben famose e conosciute vogliono una fetta. Non c’è niente di cosa stupirsi nell’entrata di Yahoo nel settore. Anche se oramai esistono dei leader ben stabiliti nel settore (Binance probabilmente si consoliderà se il suo progetto di DEX, Binance Chain, andrà a buon fine) c’è ancora molto spazio per la competizione. E c’è buona ragione di aspettarsi che sia il genere di competizione che migliora le condizioni per il consumatore. E, in questo caso, il consumatore è chi investe in criptovalute.

Yahoo lancia un exchange di criptovalute in Giappone
Rate this post

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.